• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Giornate AMEI 2017

News image

  GIORNATE DEI MUSEI ECCLESIASTICI V edizione 21 e 22 OTTOBRE 2017  *** Ingr...

Leggi tutto

Da Vedere

Precedenti

Mostra Fabio Capoccia

CAPOCCIA mar-mag 2018














FABIO CAPOCCIA

De Passione Iesu Christi et Resurrectione

in mostra dal 20 marzo al 31 maggio 2018

 

Inaugurata il 20 marzo, la personale di Fabio Capoccia - brillante artista soranese - rimarrà esposta nel museo fino al 31 maggio 2018.

La mostra, ospitata dal Museo di Palazzo Orsini con il patrocinio dei Comuni di Pitigliano e di Sorano, rispetta il progetto di educare al dialogo l'arte antica con quella contemporanea e in particolare di offrire opportunità e visibilità agli artisti locali e non solo.

“De Passione Iesu Christi et Resurrectione” è il titolo della mostra proposta, inteso come un segnale di allarme, un senso di smarrimento, un’immediata richiesta di aiuto ma anche un segno di rinascita e di una straordinaria invocazione alla Vita e alla speranza. Se è vero che l’arte deve saper mandare segnali forti, allora la mostra dell’artista Fabio Capoccia, compie la sua funzione comunicativa ed espressiva.

Nelle opere esposte e attraverso contrasti forti di colori e di immagini irrompenti che si alternano, sovrappongono e emergono, l’artista ha voluto proporre la straordinaria antinomia tra il dramma del dolore e della morte, e la speranza della rinascita, attraverso l'espressione di un vero e proprio ossimoro esistenziale. Nelle sue opere realizzate con tecnica mista, Capoccia è stato catturato dai due temi fondamentali e irrinunciabili della fede cristiana, i quali sono anche gli stessi temi dell'esistenza umana. Temi che si manifestano sia nell'Uomo-Dio che nell'uomo-creatura.

Oli su tela che parlano di passione e di morte intese come l’estremo senso dell’abbrutimento dell’animo umano, di cui il mondo pullula di esempi, fino a trasformare in arte quello che Pasolini definiva “il genocidio antropologico” per eccellenza, sottoponendo ad un giudizio profondamente critico il tema contemporaneo dell’alienazione, fino a denunciare non tanto la morte di Dio quanto la morte dell'uomo.

Attraverso l'espressione pittorica dell'ultima parte del percorso umano di Gesù Cristo, se da una parte ha voluto portare l'inquietudine dinanzi al dramma dell’uomo, denunciando le barbarie moderne, nel senso più amplio della loro definizione, dall'altra ha voluto sottolineare anche la speranza di fronte alla proposta di Dio. Dunque Capoccia vuole che l'occhio vada oltre, che il sentimento vada oltre, che l'uomo vada oltre.

 

Mostra Giovanni Dupré

Banner Dupre1 rid

Il filo della memoria

GIOVANNI DUPRÉ

1817 - 2017

ducento anni dalla nascita

in mostra dal 27 novembre 2017 al 4  gennaio 2018

 

Inaugurata lunedì 27 novembre, rimarrà esposta fino al 4 gennaio nel Cassero del Palazzo Orsini di Pitigliano, la mostra: «Il filo della memoria» omaggio a Giovanni Dupré, nel duecentesimo anniversario della nascita. Disegni, ritratti di famiglia, foto e sculture dalle raccolte di alcuni discendenti, con un’opera scultorea importante gentilmente prestata dalla Contrada dell’Onda di Siena.

La mostra ha i patrocini del Comune di Pitigliano e del Polo Museale della Toscana.

Il Direttore dell’Ufficio Diocesano per i Beni Culturali don Marco Monari, il Direttore del Museo di Palazzo Orsini don Luca Caprini e l’assessore alla cultura del Comune di Pitigliano Irene Lauretti hanno sottolineato l’importanza di questo autore e delle sue opere, esposte in molti musei nel mondo, tra i quali l’Ermitage di San Pietroburgo, come anche la generosa disponibilità di Eleonora, Elisabetta, Marco e Maria Grazia Ciardi Dupré e della famiglia Dal Poggetto.

La mostra rientra nel più ampio progetto di ospitare nel Museo di Palazzo Orsini di Pitigliano, che è il museo diocesano, mostre temporanee che vanno a rendere più vivo il Palazzo e a valorizzare uno degli edifici storici più importanti del sud della Toscana.

Il Palazzo Orsini è la residenza Quattrocentesca del Conte Niccolò III, il più illustre personaggio che ha dato importanza a Pitigliano e a tutta la contea, precedentemente governata dagli Aldobrandechi, dal Monte Amiata al mare. Il palazzo, che ha origini medievali, si è poi sviluppato nel corso del Cinquecento con progetti e interventi del Sangallo il Giovane e oggi vede ospitare – visitabili dal pubblico – ben venti sale con affreschi originali della metà del secolo XV recentemente restaurati, soffitti originali dipinti, una importante pinacoteca, il frantoio del palazzo perfettamente funzionate, argenteria, biblioteca, l’imponente statua lignea di Niccolò III Orsini e la statua a grandezza naturale in legno scolpito policromo della Madonna attribuita a Jacopo della Quercia. Si trovano anche manufatti di arte sacra del Quattrocento e oltre, quali crocifissi, calici, parati da altare.

La mostra dedicata a Giovanni Dupré è stata allestita da Elisabetta Ciardi Dupré con la collaborazione del Comune di Pitigliano.

 

Giornate della Cultura

BANNER Piti 26-27nov17

ingrandisci l'immagine

La Città di Pitigliano, antichissimo e suggestivo borgo in provincia di Grosseto, sorge sulla terra del tufo, al confine tra Toscana e Lazio. Conosciuto fin dal Rinascimento come «La Piccola Gerusalemme» per l’importante e incisiva, storia civile e religiosa dei propri cittadini, ha da sempre custodito gelosamente la propria identità. In questi ultimi anni la Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello insieme all’Associazione «La Piccola Gerusalemme» nella persona del Presidente Elena Servi, al Sindaco dott. Giovanni Gentili e all’Associazione Italia-Israele della Maremma, abbiamo voluto creare un’opportunità di arricchimento e scambio culturale, di crescita e di proposte, mediante progetti comuni mirati concretamente a mettere a disposizione la nostra storia, così da offrire esempi e messaggi di amicizia e di dialogo. Questa volontà si ricapitola nel generale Progetto Culturale Pitigliano-Gerusalemme siglato nel 2015 ed arricchito ogni anno di iniziative sempre più importanti.
Con questo proposito e convinzione il 26 e 27 novembre prossimi abbiamo organizzato due giornate culturali, incentrate su un tema di estrema attualità: l’acqua come risorsa e come problema, da angolature diverse ma anche interconnesse, ovvero cultura, tecnologia e spiritualità.
Nel pomeriggio del 27 novembre avremo il piacere di ospitare l’Ambasciatore di Israele in Italia, non solo come presenza significativa nella città di Pitigliano, ma anche come esperto del settore.
Sarà davvero un momento di elevato spessore sia dal punto di vista culturale, sia dal punto di vista dialogico.

 

*** Maggiori informazioni: Progetto Culturale Pitigliano-Gerusalemme   |   Facebook

 

*** Possibilità di pernottamento in strutture convenzionate. Persona di riferimento: Carlo Rosati, tel. 339 4940605 | email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

PROGRAMMA


26 NOVEMBRE – SOVANA


Ore 14:30 Viaggio attraverso la storia nel Parco Archeologico accompagnati da Lara Arcangeli (responsabile per il Comune di Sorano del Parco Archeologico)
Ore 17:30 Cattedrale di San Pietro – Saluti delle autorità
Interventi:
- Cecilia Luschi
Professoressa e ricercatrice dell’Università degli studi di Firenze
Responsabile del Progetto Salomon Italia-Israele
«L’Acqua e l’Architettura: Due passi dal sacro»
- Dan Bahat
Archeologo e professore alla Facoltà Teologica di Lugano
«Acqua e archeologia sacra a Gerusalemme e dintorni»


Conclude il M° Franzo Scozzafava, violinista

 

27 NOVEMBRE – PITIGLIANO

 

Sarà ospite l'ambasciatore di Israele in Italia

 

Ore 10:00 Viaggio nel centro storico, ghetto, museo di cultura ebraica e Sinagoga
Ore 11:30 Museo di Palazzo Orsini: Inaugurazione della mostra dedicata a Giovanni Dupré nel 200° anno dalla nascita


Ore 14:30 SALA ILDEBRANDO (piazzetta interna del Palazzo Orsini)
Conferenza: «ACQUA: RISORSA E PROBLEMA»
- Saluti del Vescovo e del Sindaco di Pitigliano
- Giorgio Della Longa: Archeologia dell’acqua

Architetto e docente master e formazione
- Renzo Ricciardi: Regimazione e bonifica dal Granducato ad oggi

Dirigente del Genio Civile
- Ofer Sachs

Ambasciatore di Israele in Italia


Ore 18:00 SINAGOGA: Il Vescovo Mons. Gianni Roncari e Elena Servi leggono e dialogano sui Salmi
Interpretazione in canto e concerto breve della corale
«I Madrigalisti di Magliano in Toscana» - diretti dal M° Walter Marzilli


 

Al termine Buffet nei locali della Sinagoga

ingrandisci l'immagine

 

Locandina DEFINITIVA RIDIM

 

INAUGURAZIONE DEI LAVORI ESEGUITI AL PIANO NOBILE

NUOVE SALE ESPOSITIVE, NUOVA ILLUMINAZIONE

 

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA "SIGNA VERITATIS"

OPERE DI THOMAS LANGE E MUTSUO HIRANO

(22 aprile  |  30 settembre 2017)


22 APRILE 2017  |  ORE 10:15


INAUGURAZIONE MUSEO 22APR17


COMUNICATO STAMPA

L’immensa mole del palazzo-fortezza dei Conti Orsini caratterizza gli affascinanti quadri ambientali di Pitigliano, la città del tufo. Iniziato a costruire nel secolo XII dai Conti Aldobrandeschi come fortezza, nuovi interventi di ampliamento vengono realizzati nel 1462 circa, in occasione del matrimonio fra Niccolò III Orsini con Elena dei Conti di Montelanico, mentre nel 1520 vengono rinnovate le strutture difensive su progetto dell’architetto Antonio da Sangallo il Giovane. Diviene residenza del Vescovo dal sec. XVIII e poi sede dell’attuale Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello.

Dal 1989, per volontà del Vescovo Mons. Eugenio Binini, parte del Palazzo Orsini diviene anche deposito espositivo di molte opere d’arte religiosa provenienti dalle parrocchie della diocesi, sottratte al degrado e al pericolo di furti. Dal 1999 le sale espositive e le opere d’arte vengono aumentate di numero e mediante decreto il Vescovo Mons. Mario Meini erige gran parte del palazzo a museo diocesano. I Vescovi successivi ne proseguono la valorizzazione con il restauro di molte opere e degli importanti soffitti affrescati del secolo XV.

Negli ultimi dieci anni, in collaborazione con la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Siena, sono stati compiuti studi relativi ad una ulteriore valorizzazione e ad una musealizzazione definitiva, in particolare per la realizzazione di una nuova illuminazione delle sale e delle opere d’arte. Gli studi si sono trasformati in progetto e il progetto in realtà. Va ricordato che i lavori ed i restauri progettati, sono stati realizzati tutti dalla Diocesi con il sostegno dell’Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici della Conferenza Episcopale Italiana attraverso i fondi derivanti dall’8x1000 alla Chiesa Cattolica.

Il Museo di Palazzo Orsini è un istituto culturale della Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello a gestione diretta e senza fine di lucro. L’idea fondamentale è quella di rendere il Palazzo Orsini museo di se stesso e un polo culturale a servizio del comprensorio diocesano; in particolare renderlo una sintesi della storia quasi bimillenaria della Diocesi, della sua cultura e della sua identità. Il museo è destinato anche a divenire un istituto che possa progettare proposte di ricerca, proposte didattiche e eventi culturali, in piena collaborazione con l’Archivio Storico Diocesano e la Biblioteca Diocesana “San Gregorio VII” ed anche con le istituzioni civili del territorio. Il Museo di Palazzo Orsini non è il museo «di» Pitigliano, ma il museo della Diocesi e anche della collettività, in quanto come luogo di storia, cultura e arte è a servizio della popolazione e fruibile a tutti. Lo dimostra il fatto che nel 2016 è stato il terzo museo della Provincia di Grosseto quanto a numero di visitatori, provenienti dall’Italia e dall’estero. 

 

Il museo ha ritrovato quest’anno parte dell’antico splendore con l’allestimento delle sale storiche e in particolare del piano comitale, con importanti restauri ed una accurata collocazione delle opere qui conservate, concentrate soprattutto nella nuova pinacoteca. Per esempio La Madonna con Bambino attribuita a Jacopo Della Quercia, una tavola di Guidoccio Cozzarelli, dipinti del Nasini, due grandi tele di Francesco Zuccarelli, bozzetti di Pietro Aldi, codici miniati e pergamene del sec. X-XII, vasi sacri del sec. XV, soffitti con interessanti cicli di affreschi quattrocenteschi, ecc.

Leggi tutto...
 

Giornate AMEI 2017

 

GIORNATE DEI MUSEI ECCLESIASTICI

V edizione

21 e 22 OTTOBRE 2017 

*** Ingresso ridotto per tutti i visitatori *** 

*** Visite guidate comprese nel biglietto - ore 11:30 - Prenotazione obbligatoria, minimo 10 persone ***

AMEI Giornate 2017 Manifesto

 


 

 

 

 

 

 

MOSTRA "SIGNA VERITATIS"

OPERE DI THOMAS LANGE E MUTSUO HIRANO

NUOVE SALE ESPOSITIVE, NUOVA ILLUMINAZIONE

22 APRILE - 30 SETTEMBRE 2017 

PROROGATA FINO AL 29 OTTOBRE 2017

CATALOGO DISPONIBILE ALLA RECEPTION


MOSTRA BANNER

 

I diversi linguaggi artistici quali la pittura, la scultura, la letteratura, la fotografia, sembrano affascinati dall’Invisibile, da ciò che sfugge ad una presa sensoriale dell’uomo, ma che tuttavia lo riguarda profondamente. Forse è proprio la natura dell’arte, il suo consistere e comporsi nella materia, nelle forme e nei colori o nelle parole, che la porta a sfociare in una dialettica vicino-lontano, visibile-invisibile, umano-divino, materiale-sprituale. Una dialettica che avvolge e coinvolge l’uomo in ricerca di sé, della sua origine e del suo fine.

La mostra «Signa Veritatis» di Thomas Lange e Mutsuo Hirano vuole porre in risalto la nascosta o più spesso malcelata – ma comunque presente – ricerca dell’uomo contemporaneo nei confronti dei «segni della verità». L’arte, come le parole, può mostrarli in modo peculiare e dirigere verso il vero colui che li scopre e li guarda in profondità, perché o indirizzano l’uomo alla Verità per attrazione o ce lo conducono per introspezione (cf Tommaso d’Aquino, Commento alle Sentenze di Pietro Lombardo, L. 2, D. 28, q. 1, a. 5). Queste considerazioni del Dottore Angelico affiancano le riflessioni di Sant’Agostino, il quale nel De vera religione (39,72) scrive che la Verità va ricercata nell’uomo interiore, guardando dentro se stessi: Noli foras ire, in te ipsum redi; in interiore homine habitat veritas. I «segni della verità» fanno eco anche ad un altro grande autore ecclesiale, San Giustino (fine sec. I), che nella II Apologia (cf per es. 13,5) anticipa sia Agostino che Tommaso, affermando che i semi della Verità (Logos) sono presenti in tutti gli uomini (nel caso specifico parla degli scrittori) ed indirizzano alla conoscenza. Dunque, il linguaggio sia figurativo che letterario può – e in qualche modo deve – riuscire a pro-vocare un dialogo tra l’uomo interiore e la Verità.

Nella mostra «Signa Veritatis» emerge l’intento quantomeno di stimolare attraverso il contrasto antico-moderno, l’interesse dell’uomo contemporaneo – anche con proposte forti – indirizzandolo verso una introspezione visiva di sé, del senso innato del sacro e verso un confronto con la storia e se stesso. In particolare il sacro nell’arte dà voce a questa innata dimensione esistenziale dell’uomo, così da rendere l’arte stessa una manifestazione fenomenologica fondamentale del processo d’identità umana e culturale.

San Giovanni Paolo II nell’enciclica Fides et ratio del 1998, afferma che: «In particolare, quando il perché delle cose viene indagato con integralità alla ricerca della risposta ultima e più esauriente, allora la ragione umana tocca il suo vertice e si apre alla religiosità. In effetti, la religiosità rappresenta l’espressione più elevata della persona umana, perché è il culmine della sua natura razionale. Essa sgorga dall’aspirazione profonda dell’uomo alla verità ed è alla base della ricerca libera e personale che egli compie del divino» (FR 33, nota 28). In definitiva la religiosità umana non corrisponde al momento più «basso» o più «primitivo» dello sviluppo dell’identità umana, sociale e culturale, ma ne costituisce quasi il vertice e ne rappresenta il momento più forte della ricerca di senso. In questa prospettiva la dimensione artistica costituisce un mezzo privilegiato per accompagnare l’uomo nella propria elevazione, sia per chi la produce, sia per chi ne è destinatario.

Di fronte a queste considerazioni la mostra «Signa Veritatis», gli artisti autori e lo stesso Museo di Palazzo Orsini si propongono come prospettiva la realizzazione di un dialogo – talvolta anche estremo – tra Volto e volti, tra storia e storie, tra storia e arte, tra storia e uomo, tra storia e Dio, tra Dio e l’uomo. Inoltre, inserita nel contesto dello storico palazzo-fortezza, vuole stimolare un dialogo tra l’ambiente ospitante il museo diocesano con i suoi contenuti storico-artistici e la ricerca umana della propria identità e del sacro nel contesto contemporaneo. Questa ricerca avviene attraverso una dialettica artistica tra i temi religioso e profano ospitati nel museo e le installazioni artistiche dei due autori. È l’ambiente stesso del palazzo, i mobili, i quadri, le sculture, gli oggetti sacri e le opere d’arte contemporanee che si fondono e dialogano in un unico percorso.

L’idea di fondo che gli artisti vogliono esprimere, è la indissolubile e privilegiata simbiosi tra la fede e l’arte, seguendo un assunto: La trascendenza della fede si appella all’arte per essere trasparente, ma l’arte senza spiritualità rimane come una forma senza l’anima.

Anche un’altra idea dà forma alla mostra, ovvero la naturale ricerca da parte dell’uomo della Verità, che si sviluppa tra il reale e il trascendente, tra la disperazione e la speranza, in un percorso dove le forme emergono progressivamente dall’ignoto all’evidente, dall’informe al sensato, dall’inaudito all’audito.

Infatti, come spiegano gli autori: «L’arte come la fede nascono da un’esigenza, da dubbi, da desideri e ci offrono la possibilità di trasformare la nostra disperazione in speranza e in dialogo. Se mettiamo la testa in giù, le nuvole diventano mare e il mare cielo, se appunto rovesciamo la prospettiva».

Ogni opera è composta in modo tale da creare una realtà inafferrabile e misteriosa, che tuttavia è già presente e delineata, ma richiede una focalizzazione, un’attenzione che vada oltre il «guardare» e tenda al «vedere», anzi, quasi al «contemplare». Le realizzazioni artistiche esposte si propongono come luogo di profondità infinita e di intimità, che immerge l’osservatore in attimi di sospensione dove storia, visione e apparizione superano la soglia del reale e si aprono a dimensioni inattese.


Marco Monari

Direttore Ufficio Diocesano Beni Culturali































 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 4

Orari e Biglietti

 ORARI - BIGLIETTI - CONTATTI         * ORA SOLARE: 10.00-13.00; 15.00-17.00 * ORA LEGALE: 10.00-13.00; 15.00-18.00 (19.00) * L'accesso è consentito fino a 30 minuti prima della chiusura * Lunedì chiuso (tranne nelle festività) * Agosto ...

Leggi tutto

Mini Gallery

You are here: